Mi avvicino a te per zone di sole

Mi avvicino a te per zone di sole,

stupori un po’ nascosti e ritrovati

per l’aurea nebbia, che i dimenticati 

palazzi rivela. Scarta parole





con me, Ezra, tu giovane, tu vecchio,

comunque Dio ti voglia, sulla panca

di questa collinetta antica e stanca

d’istanti, ripescati in qualche secchio.





M’aidez a ricomporre quei dettagli

di quel lontano aprile, detto maggio.

Quanti doppioni, quanti falsi abbagli





dall’armatura dentro al Colosseo.

Me la indicò chi mi disse: «coraggio!».

Da allora mi sentii d’inerzia reo.





Tommaso Cavani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: